Il Ministro per il Mezzogiorno Peppe Provenzano, del Pd, ha proposto di riprogrammare i fondi europei non spesi (Por e Pon) e utilizzarli per la gestione dell’emergenza Coronavirus. Una ipotesi che non va giù ai parlamentari siciliani. L’Isola ha già vissuto sulla propria pelle numerosi “scippi” e non ha alcuna intenzione, né la possibilità, di rinunciare a finanziamenti già concessi. Sulla questione è intervenuta la deputata di Forza Italia, Giusi Bartolozzi: “Il Ministro Provenzano faccia chiarezza su come si intende procedere. Le risorse europee attribuite alle singole regioni, se è pacifico che debbano essere riprogrammate per contrastare gli effetti economici della pandemia COVID, in linea con gli orientamenti più flessibili di Bruxelles, debbono essere loro interamente riassegnate in aggiunta alle politiche di coesione nazionale ed alle misure straordinarie adottate. Ove così non fosse, le regioni del Sud, e la Sicilia in particolare, subirebbero l’ennesima sottrazione di risorse, così destinate a finanziare politiche statali. Il Governo dimostri di saper contrastare il divario Nord/Sud, spingendo in deficit sino a 100 miliardi per il reperimento dei fondi necessari a fronteggiare la drammatica crisi. I siciliani non resteranno impotenti nel subire oltre che il danno anche la beffa della sottrazione dei fondi europei e di coesione”, conclude.