Razza che vai
Cefpas che trovi

L’assessore Ruggero Razza e il direttore Mario La Rocca hanno spadroneggiato sulla sanità per quasi cinque anni. L’altro ieri a Palazzo d’Orleans, durante l’ultima riunione di giunta, avrebbero potuto azzerare le accuse che Cateno De Luca, indomabile guitto della politica, gli ha lanciato addosso nei giorni della campagna elettorale. Avrebbero potuto scrivere una direttiva alle Asp per non disperdere l’esperienza dei medici chiamati per il Covid; avrebbero potuto chiarire a Renato Schifani i contorni di uno scandalo, quello dell’Oasi di Troina, ancora in attesa di verità; avrebbero potuto liquidare tre anni di arretrati ai laboratori e agli specialisti convenzionati. Si sono invece concentrati su quel mastodontico centro di potere chiamato Cefpas, e hanno approvato una delibera che gli assegna altri privilegi e altri milioni. Razza che vai, Cefpas che trovi.

L’Ems e lo scandalo
rimasto in un cassetto

Peccato che Claudio Fava abbia lasciato l’Assemblea regionale. La sua Commissione antimafia avrebbe potuto scoperchiare molte pentole della politica siciliana. A cominciare dall’ultimo scandalo, quello dell’Ente Minerario. Dove il Bullo, assistito dal suo intermediario di affari, ha tentato di dirottare venti milioni, frutto della liquidazione dell’ente, su una finanziaria di Londra. Un azzardo bloccato in extremis da una funzionaria delle Partecipate che ha trovato il coraggio di bocciare la delibera della liquidatrice, Anna Lo Cascio, e di assestare uno schiaffo al regista che, da Palazzo d’Orleans, aveva congegnato la manovra. Claudio Fava sarebbe andato a fondo. Toccherà a Renato Schifani tirare fuori il dossier, che l’ex governatore Musumeci ha tenuto nei cassetti, e consegnarlo nelle giuste mani. Lì si vedrà di che erba è fatta la scopa del nuovo presidente.

Ma Armao no
Bocciatissimo

I siciliani hanno uno stomaco di ferro. Galanti e ubbidienti come soldatini hanno eletto al Parlamento Marta Fascina, quasi moglie di Silvio Berlusconi, candidata nel collegio di Marsala. Lei non si è fatta nemmeno vedere. Poteva anche tentare una gita a Mozia. Poteva anche farsi incantare da un tramonto allo Stagnone. Poteva lanciare uno sguardo alle saline o varcare la soglia del museo Pepoli di Trapani e dire ohibo davanti alle collezioni di coralli. Invece niente. E’ rimasta accanto al suo Cavaliere per vivere con lui emozioni e tormenti di questa campagna elettorale. Eppure i siciliani l’hanno votata. Solo di fronte a Gaetano Armao, candidato per il Terzo Polo, gli elettori hanno tirato fuori il loro disgusto. Lo hanno soppesato, hanno passato in rassegna scandali e disastri degli ultimi cinque..

Un trionfo di cartapesta
per Conte e i suoi grillini

In quattro anni hanno avuto tutto. Due presidenze del Consiglio e la presidenza della Camera, il ministero degli Esteri e anche quello dell’Agricoltura, il governo dell’Inps e quello della terza rete Rai, deputati a valanga e senatori in abbondanza. Hanno dominato nelle commissioni e negli incarichi di sottogoverno, dall’Eni alle Ferrovie fino alla Cassa Depositi e Prestiti. Hanno gestito persino, senza badare a spese, i miliardi della pandemia. Da domani non avranno più nulla. Tutto azzerato. Nelle elezioni del 2018 avevano conquistato il 32 per cento dei voti ma ieri hanno dimezzato il patrimonio. Con un risicato 15 per cento e la vittoria del centrodestra, saranno un gruppo parlamentare d’opposizione e nulla più. Eppure esultano e cantano vittoria. Giuseppe Conte sorride e parla di rimonta. Costruitegli, per favore, un arco..

L’azzardata furbizia
del Velinaro Volante

In un irrefrenabile impeto di leccaculismo, il Velinaro Volante ha riproposto ieri ai lettori una chilometrica intervista, realizzata il 13 settembre, che ha consentito a Nello Musumeci di riversare i rancori su chi lo ha defenestrato e, all’un tempo, di elogiare i meriti del suo governo. Il furbetto del quartierino ha aggirato così le norme che impongono il silenzio nel sabato che precede le elezioni. L’intervista all’ex governatore, ora candidato al Senato, è stata di fatto una sfida a quell’organo di vigilanza, chiamato Corecom, che si è insediato giovedì dicendo che sarebbe stato suo compito garantire sempre e comunque le regole della comunicazione. Bene: non è successo nulla, non succederà nulla. Ma la furbizia del Velinaro è stata l’occasione per capire che il Corecom, al di là della pomposità, altro..

Caterina Chinnici
prende le distanze

Cateno De Luca sarà pure rozzo e ruvido ma scalda la piazza e accende molti cuori. Lei invece accende i caminetti dove intavola chiacchiera e bon ton ora con Anthony Barbagallo, segretario regionale del Pd, ora con Giuseppe Provenzano, vice segretario nazionale del partito: i due leader che le hanno voluto affidare la corona di candidata del centrosinistra al vertice della Regione. Ma ora che il tempo stringe e la sconfitta si avvicina, Caterina Chinnici si è fatta furba. Altro che Nostra Signora dell’Inconcludenza. Con un fiuto politico tempestivo e ben addestrato ha tenuto a precisare che lei resta “indipendente” e che la sua è stata una “candidatura civica”. Un modo, sottile, per prendere le distanze dai futuri perdenti. Cioè quelli del Pd. Che, dopo il 25 settembre, non potranno..

Profeta o farfallone?
Lo scopriremo lunedì

Cateno De Luca è un cialtrone, uno sbruffone e anche un fanfarone. E’ un guitto che gira in mutande, che parla e straparla, che denuncia magagne e ruberie, che urla da cafone nelle piazze e da cafone litiga con il sindaco di Furci e anche con il giornalista perfettissimo che, manco a dirlo, fa bene il suo mestiere e scrive sempre la verità. Cateno è rissoso, borioso, impetuoso, mai cerimonioso. Attacca brighe con i santi e anche con i reverendissimi imbroglioni della Regione. Alza i coperchi delle pentole, sventra i salotti della politica, provoca tormenti e terremoti. E in questo vortice, va da sé, diventa impresentabile, inaffidabile, inqualificabile. Che ne sarà di lui? Abbiate un’altra settimana di pazienza, per favore. Lunedì 26 settembre sapremo se sul partito parallelo del centrodestra..

Il Bullo travestito
da moralizzatore

Vedo il Bullo che piritolleggia da un giornale all’altro, da un sito all’altro, da un forum all’altro. E mentre lui sermoneggia, si sente l’effetto della legge scandalo; cioè di quel bando affidato da Musumeci e dal suo cerchio magico all’Irfis per aiutare l’editoria e all’un tempo premiare, con palate di euro, velinari e servi sciocchi. Il Bullo si impanca con la spocchia di un esattore venuto a riscuotere le quote di gratitudine; insinua veleni contro chi non ha mai creduto ai suoi imbrogli, e si traveste, manco a dirlo, da moralizzatore: proprio lui che è stato il consulente di Ezio Bigotti, l’avventuriero piemontese che ha rapinato oltre cento milioni alla Regione con un censimento fasullo. Ma i leccaculisti sparsi nell’editoria, chiamiamola così, non gli presentano mai il conto. Meglio una..

Nostra Signora
delle tre sfighe

L’ho chiamata Nostra Signora dell’Inconcludenza ma devo ammettere che sulla testa di Caterina Chinnici, candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione, sono piovute tutte le sfighe del mondo. Intanto, sul più bello, il Cinque Stelle si sono rimangiati la parola e hanno rotto l’alleanza. Lei, per recuperarli, ha cavalcato la questione morale e ha montato il palchetto della gogna per alcuni “impresentabili” del Pd. Ma i grillini non sono tornati mentre i candidati segnati a dito hanno trovato rifugio in altre parrocchie. Ultima sventura: la discesa in campo di Cateno De Luca. Che è un tipo velocissimo; che gira in lungo e in largo per la Sicilia e non perde occasione per denunciare i limiti del centrodestra e le malefatte del governo Musumeci. La sonnacchiosa Chinnici, per vincere, dovrebbe scavalcare..

Avviso a Schifani
O bere o affogare

Le Faccette Nere catanesi credono di essere i padroncini della campagna elettorale. Trascinati dai sondaggi che prevedono voti a valanga per Giorgia Meloni, pretendono di dettare legge. Soprattutto agli alleati di Forza Italia, da Renato Schifani a Gianfranco Miccichè, colpevoli di avere detronizzato Nello Musumeci e di avere condannato alla diaspora il suo cerchio magico. I segnali non mancano. Sabato scorso hanno disertato la kermesse di Palermo e hanno sfregiato l’incoronazione di Schifani a candidato governatore di un centrodestra unito. E ora insistono perché l’ex presidente del Senato vada giovedì a Catania per assistere al focus con il quale Ruggero Razza dirà che non c’è migliore assessore alla Sanità di lui medesimo. Vogliono che il nuovo inquilino di Palazzo d’Orleans baci la pantofola e dia garanzie sul futuro assetto della..

Gerenza

Buttanissima Sicilia quotidiano online è una testata regolarmente registrata. Registro generale n. 223.
Registro della Stampa n.5 del 24/01/2018 presso il Tribunale di Palermo

Editore: Salt & Pepper S.r.l. Tel +39 091 7302626 P.IVA: 06680540827

Direttore responsabile Giuseppe Sottile

Change privacy settings

Contatti

+39 091 7302626
www.buttanissima.it
Via Francesco Scaduto, 2/D – Palermo