DIRETTO DA GIUSEPPE SOTTILE

Operette Immorali

Questa Regione aiuta
solo la scuola dei bulli

Avete visto con quanta arroganza e con quanta piritollaggine l’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla, ha richiamato all’ordine il direttore dell’ufficio regionale scolastico? Dopo avere tromboneggiato a lungo sul primato della politica, lo ha accusato di insubordinazione e, ovviamente, di lesa maestà. Ma il professore Suraniti – gentiluomo d’altri tempi ­– si era limitato ad osservare che le scuole in Sicilia, anche e soprattutto per l’ignavia di Lagalla, sono rimaste al medioevo e che di conseguenza difficilmente sarebbero riuscite in un giorno, come pretendeva Musumeci, ad attrezzarsi per la didattica a distanza. Parole di buonsenso. Che al pettoruto assessore sono suonate come un affronto. Da qui la sua improvvida e piritollesca reazione. Per mostrare al mondo che alla Regione il virus più contagioso e ributtante non è il Covid ma il bullismo.


Buttanissime Regole

Il Sabato del Villaggio

Buttanissima Pandemia

Buttanissime Idee

Buttanissimi Palloni


La Lettera Scarlatta

Colpo del Massimo
Torna Riccardo Muti
per tre concerti

di Non accadeva da cinquant’anni, per la precisione dall’ottobre del 1970, che il Maestro Riccardo Muti dirigesse l’Orchestra del Teatro Massimo. Era all’inizio della sua folgorante carriera quando salì sul podio dei complessi del teatro per due concerti, nel secondo dei quali era solista Maurizio Pollini. Il grande direttore torna venerdì 4 e sabato 5 dicembre alle ore 20,30 con un capolavoro della musica sinfonico-corale come la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, che vede impegnati sia l'Orchestra sia il Coro della Fondazione, diretto da Ciro Visco, con il soprano Joyce El-Khoury, il mezzosoprano Martina Belli, il tenore Saimir Pirgu e il basso Riccardo Zanellato. Riccardo Muti era tornato al Massimo anche nel 2003 alla guida dei Wiener Philharmoniker e nel 2010 con la Philharmonia Orchestra di Londra. Già nel 2017 alcune prime parti dell’Orchestra del Teatro Massimo erano state invitate a suonare sotto la sua direzione a Teheran e al Ravenna Festival per “Le vie dell’amicizia”, i concerti che dal 1997 il Maestro ha organizzato e diretto in diverse città colpite da grandi conflitti. Il doppio appuntamento con il Requiem di Verdi sarà preceduto da un altro concerto del Maestro Muti al Teatro Massimo, lunedì 30 novembre alle ore 20,30, alla testa dell'Orchestra Giovanile Cherubini, da lui fondata e diretta, formata da giovani strumentisti italiani. Il ..
Continua a leggere

Facebook Awards



Già visto già letto

Buttanissimi Flash - Le altre notizie