DIRETTO DA GIUSEPPE SOTTILE

Operette Immorali

Gli eroi per caso
al tempo di Salvini

Evviva. Palermo alza sugli scudi il martirio della professoressa Rosa Maria Dell’Aira – sospesa dalla scuola per non avere censurato un video degli studenti che picchiavano duro su Salvini – e l’Italia scopre all’improvviso gli insegnanti. Sì, proprio quegli insegnanti che per tutto l’anno tirano a campare con stipendi da fame, e che ad ogni giro di valzer vengono sballottati da un capo all’altro dello Stivale senza che nessuno alzi un dito in segno di indignazione e solidarietà. Ieri però c’è stata una vampata rivoluzionaria. Sono scesi in campo partiti e sindacati, sindaci e governatori. Si è mobilitata la società civile, si sono schierati persino i giornaloni: “Sospendeteci tutti”, si leggeva sulla prima pagina di Repubblica. Ah, se non ci fosse il truce Salvini: nel Paese delle sbracature a basso costo chi lo spernacchia rischia di diventare quasi un eroe.


Buttanissima Italia

Il Sabato del Villaggio

Buttanissime Televisioni

Ritratti alla Buttanesca

Buttanissimi Teatri


La Lettera Scarlatta

Una sophisticated lady
in concerto al Brass

di Less is more” recita una massima di Mies van der Rohe, grande architetto e designer tedesco. E Alessandra Mirabella venerdì sera deve aver fatto sue queste parole. Perfetta padrona di quella immaginaria casa della musica che è il Blue Brass di Santa Maria dello Spasimo, ha intrattenuto la platea con un concerto molto appassionato, una fantastica conversazione fatta di toni appena sussurrati e mai eccessivi, di sonorità intense ed eleganti; si è abbandonata alle note del jazz, dello swing e della bossa nova con una performance raffinata, di grande seduzione e gradevolezza. Un pubblico particolarmente attento ha assaporato ogni istante di una esibizione il cui tema dominante era l’amore, declinato in tutte le sue croci e le sue delizie; e si è anche lasciato inebriare dalla sensualità di una voce calda e sofisticata, ma all’un tempo convincente e profonda. Accompagnata per l’occasione dalla liaison di quattro maestri palermitani del jazz, con cui palpabile ed evidente era l’intesa – Gaspare Palazzolo al sax tenore, Giuseppe Costa al contrabasso, Giuseppe Preiti al piano e Giuseppe Urso, particolarmente ispirato, alla batteria – Alessandra Mirabella, che vanta collaborazioni con musicisti di altissimo livello come Fabrizio Bosso e Mimmo Cafiero, ha arricchito, con la sua voce pastosa e morbida, l’incanto di brani che sono grandi classici del jazz:..
Continua a leggere

Facebook Awards




Buttanissime Notizie

Talè

Ogni buon giornale che
si rispetti ha almeno
due belle donne che si fanno
guardare

Già visto già letto