DIRETTO DA GIUSEPPE SOTTILE

Operette Immorali

Lo spot è molto bello
ma i vaccini non ci sono

Non è facile raccontare la tristezza che ti assale nel vedere il primo dei quattro spot realizzati da Giuseppe Tornatore, regista da premio Oscar, per aiutare il commissario Domenico Arcuri a diffondere la cultura del vaccino. Si intitola “La stanza degli abbracci” e fissa un momento straziante: tra lo svolazzare ossessivo dei teloni di plastica si intravede il volto smarrito e implorante di una anziana donna che cerca il volto e le mani della figlia. Una scena di amore e smarrimento. Come quelle che si vedono realmente nelle case di riposo da quando è iniziata l’emergenza Covid. Lo spot va in onda già da alcuni giorni nei canali televisivi. Una campagna pubblicitaria perfetta che l’autore di “Nuovo cinema Paradiso” ha realizzato con una sensibilità forte e all’un tempo delicata. Bisognerebbe che, accanto alla pubblicità, ci fossero anche i vaccini. Per tutti.


Buttanissima Giustizia

Il Sabato del Villaggio

Buttanissime Finanze

Buttanissime Idee

Buttanissime Vergogne


La Lettera Scarlatta

Il Togliatti dei piccoli
vuole costruire
un partito vassallo

di Un tempo c’erano le correnti. Il nome forse indicava che sì, facevano vento, ma mai una tempesta che distruggesse tutto. C’erano nella DC, la ‘balena bianca’ ed erano guidate e composte da uomini che, da soli, oggi varrebbero un paio di partiti. C’erano anche nel PCI, ma loro avevano un debole per la scissione, piuttosto che per il dissenso interno. Successe più volte, fina dalla fondazione. Oggi, siamo arrivati allo spettacolo di un partito che ‘stiamo lavorando’ per costruirne un altro, diverso da sé, ma genuflesso. Un partito di centro addomesticato. Il sogno di Togliatti per la sinistra DC. Questa volta, i panni del Migliore li veste Bettini, nuovo ideologo di un partito il cui segretario è campione di silenzi. Un’area di centro, liberale ed europeista, ma che non si sogni di poter crescere e divenire antagonista al genitore. Insomma, che serva per questi due anni e si dissolva prima delle elezioni. Che grande idea! Peccato che quell’area è, purtroppo, più che presidiata da una moltitudine di partiti, movimenti, in genere spiccatamente legati a un nome – da Berlusconi a Renzi, passando per Toti, Calenda e Bonino – o residui di un glorioso passato che non torna. Ridateci le correnti, meglio di queste presunte tempeste senza un vento che porti la barca da qualche parte. (Paolo Inglese è docente ordinario alla Facoltà di Scienze Agrarie, Ali..
Continua a leggere

Facebook Awards




Già visto già letto

Buttanissimi Flash - Le altre notizie