DIRETTO DA GIUSEPPE SOTTILE

Operette Immorali

Trump ha i riservisti,
Conte chiami i divanisti

Tra le mille crisi portate dal coronavirus c’è anche quella dell’agricoltura. Ci sono generi di prima necessità, sparsi per le campagne, che se non vengono raccolti in tempo finiranno per marcire. E’ un’emergenza nell’emergenza, per la quale servono subito duecentomila lavoratori occasionali. Che non si trovano. I clandestini che c’erano sono scomparsi: troppe paure, troppe persecuzioni, troppi rischi. E molti di quelli che per vivere accettavano comunque i lavori pesanti, hanno preferito trovare un rifugio nel reddito di cittadinanza, inventato da Grillo e Di Maio per finanziare la campagna elettorale dei Cinque stelle. Ma non c’è un uomo di governo a cui venga in mente di prendere gli abili al lavoro, pagati dallo Stato per poltrire sul divano, e affidarli come braccianti agli agricoltori? Trump richiama i riservisti, Conte potrebbe richiamare i divanisti.


Buttanissima Epidemia

Il Sabato del Villaggio

Buttanissima Italia

Ritratti alla Buttanesca

La stanza di buttafuoco

Sarà la gioventù contadina il sol dell’avvenire

Due sono i traumi della memoria storica: l’alluvione di Firenze e il terremoto del Belice. Ci sono state altre tragedie – altri sismi, altre inondazioni – ma quelle due date, il 4 novembre 1966 e la notte del 14 gennaio 1968, ebbero un contraccolpo, ebbene sì, di entusiasmo: la mobilitazione di tutta la gioventù.

Nella nostra Via Crucis civile il Coronavirus è la tappa in assoluto peggiore perché crolla il sistema intero. Ma tornerà la vita e questa volta la polis si ritroverà nei campi. Manca poco e sarà tempo di trebbiatrici. Braccia restituite, tutte, all’agricoltura. La mobilitazione della gioventù, da domani, sarà contadina.

Buttanissima Emergenza


La Lettera Scarlatta

È la nuova moda:
il politico
con la mascherina

di Classe politica questa abbiamo. E, chissà ancora per quanto, ce la dobbiamo tenere. Lontana mille miglia - per formazione, per cultura - da quelle di un passato poi neanche tanto lontano. Prendiamo i due maggiori partiti di governo: PD e M5S. Il primo è espressione degli apparati, dei notabili e delle consorterie; l'altro è un prodotto di laboratorio che ha trasformato nullafacenti e analfabeti in statisti. Entrambi i partiti, grazie alle liste bloccate - chi nel chiuso delle segreterie, chi attraverso una farlocca piattaforma web - hanno mandato in parlamento gente che non avrebbe beccato una preferenza nemmeno alle elezioni del proprio condominio. Ma, dicevamo, questo passa il convento. I social network, poi, hanno aumentato la portata della cialtronaggine che caratterizza parecchi dei rappresentanti delle nostre istituzioni. La moda del momento, per esempio, nel pieno dell'emergenza Coronavirus, è la foto del politico mentre indossa la mascherina. Che si trovi in aula o sopra un aereo mezzo vuoto non importa. Mascherina sul viso e sguardo da uomo provato per il selfie da dare in pasto ai follower. Eccoli i nostri eroi che sfidando il pericolo raggiungono la Camera e il Senato, mentre noi stiamo sicuri nelle nostre tiepide case. Come se tutto ciò per loro rappresentasse un sacrificio, come se fosse volontariato, dimenticando stipendi d'oro e privilegi. E soprattutt..
Continua a leggere

Facebook Awards





Buttanissime Notizie

Già visto già letto