Calogero Pumilia

Renzi, il Pd, Mattarella e l’ingratitudine della politica

La formazione culturale e la lunga attività politica mi hanno reso estraneo e lontano dal “renzismo” nelle forme e nei contenuti che è andato assumendo negli anni più recenti. Ho vissuto in una comunità che, tra tanti difetti, aveva forte il senso dell’appartenenza e della collegialità. Ho ascoltato più volte le analisi articolate e spesso molto lunghe di Moro, di Berlinguer e degli altri protagonisti della storia repubblicana. Non mi è riuscito, perciò, di sostituire a quei discorsi, a quegli scavi nella realtà del Paese e nei problemi che venivano affrontati, i tweet, i messaggi semplificati. Tuttavia ho votato Renzi quando diventò segretario del Partito democratico, malgrado, ricordo, durante quella campagna per le primarie, andato ad ascoltarlo in un teatro palermitano, pochi minuti dopo l’inizio del suo intervento, dissi a..

Da dove nasce
la fauna degli Scilipoti
che appoggia Conte

Non li capisco i responsabili, i costruttori, i voltagabbana in genere, quelli che ieri andarono in soccorso di Berlusconi e dei governi di centro-destra, da Salvini e dalla Meloni ritenuti alla stregua di patrioti e quelli che vanno oggi a puntellare il governo giallo-rosso, visti come difensori della democrazia contro i barbari in agguato. Non riesco a catalogare un presidente del consiglio il quale, una sera dell’agosto del 2019, va a dormire alla guida di un esecutivo formato da Cinque stelle e Lega e il mattino successivo - stessa pochette, stesso aplomb grigio e anonimo, vagamente somigliante a quello di Alberto Sordi quando impersonava l’italiota medio -, si trova a capo di una formazione di diverso colore. Non riesco a dare un qualche valore a ciò che sta succedendo, probabilmente..

La lezione americana
di Joe Biden
alla sinistra italiana

Il nuovo presidente degli Stati Uniti ha davanti a sé l’immane compito di ricomporre le grandi e pericolose fratture che attraversano il popolo americano dopo quattro anni di forsennata azione politica di Trump, volta a dividere e a provocare lo scontro. In un’America in crisi e in alcuni suoi settori disgregata tra classi sociali diverse, con diversi livelli di cultura e di reddito, con marcate differenze salariali e con la condizione di gran parte delle donne e degli uomini di colore ancora ai margini della società, in un’America attaccata, come e più del resto del mondo, dalla pandemia, Trump ha utilizzato la predicazione dell’odio, l’esaltazione del sovranismo, del suprematismo bianco, del conflitto razziale, dell’uso della violenza e l’innalzamento delle barriere per impedire l’ingresso nel Paese di disperati provenienti dal Centro..

La difficile convivenza
tra Sciascia e il Pci

Nel centenario dalla nascita, diversi articoli, saggi e reportage televisivi hanno riproposto Leonardo Sciascia come uno degli scrittori più importanti del secolo passato. Lettore vorace delle sue opere, sul loro valore letterario non posso aggiungere nulla, non avendo idonea capacità critica. Posso ricordare, invece, il permanente valore della sua testimonianza civile e dell’impegno politico che improntò tutta la sua vita, indicandolo come impareggiabile maître à penser, un siciliano che ebbe l’orgoglio dell’appartenza e il rigore della denuncia per gli eccessi della sicilianità. Lo scrittore, per qualche tempo, svolse un protagonismo diretto nella vita delle istituzioni, fece parte di assemblee elettive: il consiglio comunale di Palermo, prima. e la Camera dei deputati, poi. In quelle occasioni egli tentò di dare concretezza ad una visione della politica “nel senso etico- come scrisse..

Scalfari, la Dc e l’elogio distorto al riformismo

Su "Repubblica" di oggi c’è una lunga intervista sul riformismo in Italia ad Eugenio Scalfari, come di consueto ricca di utili riflessioni, di analisi lucide e di notevole faziosità. Il venerando giornalista attribuisce il merito prevalente delle riforme introdotte in anni lontani, alla cultura e all’impegno dei gruppi di provenienza azionista e laica che hanno dovuto fare i conti con la Democrazia Cristiana la quale "aveva abbandonato De Gasperi e che nella sostanza si opponeva a qualsiasi cambiamento". Scalfari aggiunge che le battaglie dell’Espresso del 1963 sulle riforme individuavano in quel partito l’avversario naturale in quando “non voleva le riforme che avrebbero intaccato il suo potere”. Se è possibile correggere il famoso giornalista: Nel 1962 venne nazionalizzata l’energia elettrica. Nello stesso anno fu introdotta la scuola dell’obbligo. Nel 1962 venne..

Paragonare i 5 Stelle alla mia Dc è un torto alla storia

Qualcuno sui giornali ha paragonato gli "Stati generali" dei Cinque Stelle ai congressi della Democrazia Cristiana o alle riunioni dei "Dorotei", il gruppo moderato di quel partito che inizialmente era composto, tra gli altri da Moro, Colombo, Antonio Segni, Rumor - ma chi erano costoro, si chiederà Toninelli, mentre Di Battista pretenderà di sapere se sono in regola con gli scontrini -. Quei giornalisti non hanno visto i congressi democristiani e non hanno mai tentato di conoscere la storia del Paese, continuando a ripetere le frasi fatte sulla Prima repubblica, senza essere minimamente scossi nelle loro banali certezze dai "luminosi" esempi della Seconda repubblica e della sua classe dirigente. Nei congressi democristiani si confrontavano posizioni politiche, visioni diverse sui grandi problemi del Paese e si componevano posizioni di potere. La..