Totò Rizzo

E Morandi va
anche se
la canzone non va

Chi si può permettere un medley de «le mie canzoni più brutte»? Solo il golden boy della nostra musica leggera. Ci mette dentro anche «Belinda» che pure fu un successo discografico nel 1969 ma che onestamente proprio un capolavoro non è. Lui canta anche - naturalmente - le sue canzoni più belle, fa uno straordinario omaggio all’amico Lucio, un altro ad Endrigo, un altro ancora agli Oscar che hanno scritto per lui (da Morricone a Bacalov), esalta Curreri con una commossa interpretazione di «Chiedi chi erano i Beatles», con un piglio ancora militante (passatemi il termine obsoleto) imbraccia la chitarra per «C’era un ragazzo...» e «Un mondo d’amore». Così racconta la sua vita, Gianni Morandi, che è anche un po’ la nostra, quella dell’ultimo mezzo secolo e anche più. Imperdibili..

Natale a Palermo?
Riparliamone
a Carnevale

Il Consiglio comunale discetta e litiga a Palazzo delle Aquile su come far trascorrere ai cittadini un Natale ricchi premi e cotillons. Ma il fulcro del dibattito è il veglione di San Silvestro

La folle utopia del cavatore-regista

L'anteprima a Palermo di "Colomba Legend", il film di Rosario Neri. Un sequel-omaggio del western che realizzò l'operaio appassionato di cinema